fbpx

Terme Gellert in Camper: Relax e Benessere a Budapest Circondati dal Liberty 

Quando abbiamo pianificato le cose da fare e da vedere nella capitale ungherese, avevamo un’unica certezza: avremmo trascorso un pomeriggio di relax alle Terme Gellert.

Ti ricorderai certo, se hai letto il nostro racconto su Budapest, che qui le terme non mancano di certo.

Questa è infatti l’unica grande città europea a vantare ben 118 sorgenti termali, che producono milioni e milioni di litri di acqua calda ogni giorno. E con “calda” intendiamo acqua fino a 78°C: mica male, vero?

Proprio le caratteristiche termali di Budapest le hanno fatto vincere nel 1934 il titolo di “Città Balneare“, e da qui in poi la sua fama non ha fatto altro che crescere.

Tanti stabilimenti tra cui scegliere, dicevamo: perché abbiamo scelto proprio le Terme Gellert?

 

La Storia delle Terme 

Le Gellert, situate nel cuore della zona Buda della città e vicine al Ponte della Libertà, sorgono ai piedi dell’omonima collina presso cui si trovano le sorgenti di acque termali utilizzate nello stabilimento.

Inaugurate nel 1918 insieme all’Hotel ad esse collegato, le Terme andarono via via accrescendo la loro superficie.

Nel 1927 fu infatti realizzata la grande piscina ad onde ancora oggi in funzione, mentre nel 1934 fece la sua comparsa il bagno effervescente, ovvero la piscina coperta ad acqua gassata. 

Gellert

Tre anni dopo il Bagno Termale Gellert diventò sede della Società Internazionale di Balneologia con queste motivazioni:

“… non c’è nessun’altra città che possa meritarla di più di Budapest. La natura le diede con molta generosità meravigliose acque termali e bellezze naturali meravigliose a cui si aggiungono la professionalità dei medici ad alto livello, istituti di cura ben attrezzati e ricerca medica all’avanguardia, e tutto ciò rende Budapest ideale per svolgere da qui le faccende internazionali della balneologia…”

Noi sognavamo di visitarle perché , visto il periodo storico in cui sono state costruite, sono un vero e proprio tripudio di liberty, stile architettonico che noi adoriamo. Elegante, sinuoso, ricco di dettagli che richiamano la natura e la vegetazione. A volte anche un po’ eccessivo, ma non è il caso di queste specifiche terme a Budapest.

Andiamo quindi ora a scoprire più nel dettaglio le Terme Gellert, iniziando da qualche informazione circa le numerose virtù terapeutiche delle sue acque.

 

Le Proprietà delle Acque delle Gellert

Ricche di carbonati di calcio, sodio, idrogeno, magnesio e solfati-cloruri, le acque della collina Gellert utilizzate alle Terme possono alleviare i dolori associati a numerosi disturbi scheletrici e non.

Sono infatti utili in caso di sciatalgia, artrite, ernia del disco, problemi alla colonna vertebrale ma anche problemi della circolazione, angiostenosi e disturbi respiratori, in particolare asma e bronchiti croniche.

Al di là di questo, anche semplicemente rilassarsi stando a mollo nelle grandi vasche dello stabilimento è un toccasana per il corpo e per lo spirito.

 

Un Giro per le Terme

Innanzitutto non bisogna confondere l’entrata dell’Hotel con quella delle Terme: la indicazioni ci sono ma noi abbiamo avuto un po’ di difficoltà a trovarle. Vuoi perché quel giorno pioveva tantissimo e avevamo i cappucci ben calati in testa a coprirci quasi del tutto la visuale, vuoi perché a volte siamo un po’ tonti. Ma tant’è.

L’ingresso all’Hotel è il grande portone con vista proprio sul Danubio, quello delle Terme invece si trova sulla via laterale. Ti basterà quindi seguire il perimetro dell’edificio e, tenendo il fiume alle tue spalle, andare verso destra.

Cartina di Google
Cartina di Google

Forse a questo punto resterai un pochino perplesso, perché un cartello ti indicherà la presenza di uno studio dentistico.

Eppure è la verità: alle Terme Gellert potrai anche effettuare cure odontoiatriche.

Siamo quindi entrati nella grande sala dove si trovano i desk per le prenotazioni e i pagamenti, e già lì siamo stati inondati dal liberty. Tutto a dire il vero sembrava un filo “cupo”, ma questo per via della luce plumbea della giornata. Se alzerai la testa infatti vedrai un enorme lucernario, e da lì nelle giornate di sole deve entrare una luce calda meravigliosa.

Noi abbiamo prenotato online la nostra giornata alle Terme, quindi il check-in è stato velocissimo e abbiamo subito potuto ritirare i nostri braccialetti identificativi e immergerci nell’atmosfera delle Gellert.

 

Gli Spogliatoi e i Bagni

Per raggiungere gli spogliatoi dovrai scendere ad un livello inferiore dell’edificio, e quindi percorrere un po’ di scale. Poi, in base al braccialetto assegnatoti e quindi al tipo di percorso termale da te scelto, un addetto ti indirizzerà verso gli spogliatoi adeguati.

I camerini sono davvero tantissimi: sono numerati e si aprono e chiudono con il solito braccialetto. Ci si può stare dentro anche in due, nonostante non siano troppo ampi, e a dire il vero sono anche loro un po’ bui. Ah, qui non troverai distinzione tra zona per gli uomini e zona per le donne: si sta tutti insieme, ma tanto non fa differenza.

Separati invece (ovviamente!) i servizi igienici. Non ci hanno colpiti particolarmente perché non ti trasmettono quel senso di pulizia impeccabile che abbiamo trovato in altri complessi, come ad esempio a Merano e a Saint Vincent, ma non si può dire siano sporchi. Sono proprio lo stile retrò del bagno e il colore non candido delle piastrelle a trasmetterti questa sensazione, ma ad onor del vero non abbiamo trovato sporcizia in giro.

Un giro in doccia è comunque tassativo prima di entrare nella zona delle vasche: dovrai infatti lavarti completamente col sapone, capelli compresi, per questioni di igiene.

La fregatura?

Che appena uscito dal bagno sentirai parecchio freddo.

Dagli spogliatoi si può anche accedere alla piscina termale esterna, e anche se tu magari in inverno non sei così temerario da tentare l’impresa c’è chi non si fa problemi. E tutto quell’aprire e chiudere la porta, capirai bene, non aiuta a mantenere il caldo all’interno.

Un’altra cosa da segnalare è che gli spogliatoi sono un po’ labirintici e noi, che ti ricordiamo siamo sempre un po’ tontoloni, ci abbiamo messo un po’ a capire dove dovevamo andare.

Piantina delle Terme
Piantina delle Terme

 

Le Vasche Interne: la Zona Centrale

Proprio in fondo alla zona degli spogliatoi troverai un desk presso cui potrai noleggiare accappatoi e ciabatte e, finalmente, i bagni termali.

Ci sono diverse vasche all’interno delle Gellert, ripartite in varie stanze.

Nella grande zona centrale, sormontata da un soffitto vetrato che può anche aprirsi (e sì, l’hanno aperto quando siamo stati noi nonostante la pioggia: che freddo!) si trova una grande piscina con acqua effervescente.

terme gellert

Circondata da maestose colonne, la vasca ha una temperatura dell’acqua di 27°C e raggiunge una profondità massima di circa 2 metri, ed è per questo non adatta a chi non sa nuotare. Qui si tengono anche lezioni di ginnastica in acqua di vario genere, ma attenzione: è tassativo indossare la cuffia, mentre altrove potrai tranquillamente stare senza.

In faccia alla piscina una vasca più piccola, scavata nella pietra e con delle sedute lungo il bordo. Qui l’acqua raggiunge i 36°C, e troverai anche una piccola cascatella per il massaggio cervicale.

 

Le Vasche Interne: le Zone Laterali

Per trovare le altre vasche dovrai invece entrare nei due stanzini in fondo alla sala, rispettivamente a destra e a sinistra della grande piscina centrale. 

Partiamo dalla zona a sinistra, e troviamo prima un’area con cabine relax e per il massaggio, postazioni con dei phon, bagni e finalmente altre vasche termali.

Una delle due ha una temperatura di 35°C, l’altra di 36°C. L’ambiente è in generale poco illuminato e non molto sfarzoso, ma la cosa bella è che troverai delle fontanelle per reidratarti gratuitamente con acqua potabile. L’unico problema è che, secondo noi, l’acqua lì ha davvero un fortissimo odore e sapore di cloro: meglio portarsela da casa!

Gellert

Nello stanzino adiacente troverai delle camere per la sauna finlandese, per i bagni di vapore, delle docce e una vasca di raffreddamento con acqua a 19°C.

Andando invece a destra rispetto alla piscina nella stanza centrale troverai una successione di stanze esattamente speculare a quella che ti abbiamo appena descritto. L’unica differenza è la temperatura dell’acqua delle due vasche che troverai: 38 e 40°C

E un minimo di decorazione in più, data dalla presenza di una fontana termale ben scolpita all’interno di ogni vasca.

Curiosità: potrai fare un tour virtuale delle Terme facendo click qui.

 

Le Vasche Esterne

Causa freddo non siamo riusciti a visitare la sezione esterna di queste meravigliose terme di Budapest, ma sappiamo che qui si trova un’altra piscina termale con acqua a 36°C e, in estate, una piscina ad onde: 26°C di temperatura e fino a 2,75 m di profondità, per circa 500 m² di vasca.

 

Il Piano Superiore

Avrai libero accesso anche al piano superiore delle Terme Gellert: qui troverai un’altra stanza con phon e, raggiungendo la sezione direttamente al di sopra della piscina, un’area relax con sdraio ed un bar ristorante con vista sul giardino esterno.

 

Altri Possibili Trattamenti

Noi ci siamo limitati a rilassarci stando a mollo nelle acque termali delle varie vasche, godendoci la tranquillità, il silenzio e l’atmosfera dalle luci soffuse, ma alle Gellert potrai anche godere di alcuni trattamenti extra.

In primo luogo i già citati massaggi, effettuati con l’uso di aromi, ma oltre a questi potrai sottoporti anche a manicure e pedicure, impacchi con fanghi e inalazioni.

A tua disposizione anche un parrucchiere, un centro estetico e il dentista.

Gellert

Obblighi e Divieti

L’accesso alle Terme è consentito solo a partire dai 14 anni.

Ovviamente dovrai indossare un costume da bagno, non importa se due pezzi o intero per le donne, boxer o slip per gli uomini. Niente nudismo né costumi che ricoprono totalmente il corpo, mi raccomando: è questione di igiene.

Per consentire il relax di tutti gli ospiti, buona norma è tenere basso il tono di voce: niente urla e schiamazzi.

Una cosa curiosa è la presenza qua è là di una sorta di “cestini”, che in realtà sono centrifughe gratuite per strizzare i costumi prima di lasciare le Gellert. Ottima idea!

Potrai noleggiare accappatoi e ciabatte, e potrai inoltre sfruttare il servizio di cambia valuta e di custodia vestiti e valori.

Obbligatoria la cuffia per utilizzare le piscine (dove puoi nuotare, per intenderci), mentre non è obbligatoria per le vasche più piccole. Tassativo anche l’uso di ciabatte.

E’ inoltre obbligatorio farsi una doccia completa prima di iniziare il percorso termale e al termine dello stesso: potrai utilizzare i tuoi prodotti per l’igiene, usufruire di quelli che trovi nelle cabine doccia o acquistare i prodotti termali in vendita presso lo shop delle Gellert.

Divieto di scattare fotografie ed effettuare riprese di persone non consenzienti, ma in generale sempre meglio richiedere un permesso specifico se si vogliono effettuare reportage.

Noi abbiamo fatto estrema attenzione a non riprendere altri che noi e l’ambiente, ma certo non ci siamo portati dietro la nostra solita attrezzatura fotografica. Ecco perché purtroppo le immagini presenti nell’articolo non hanno la qualità di quelle che solitamente ti proponiamo, ma le regole sono regole ed è giusto rispettarle. E comunque c’era davvero poca luce all’interno delle Gellert…

 

Prezzi e Orari

Ti ricordiamo che a Budapest la moneta corrente non è l’euro ma bensì il fiorino ungherese, e per evitare salassi in termini di commissioni ti consigliamo di effettuare il cambio direttamente presso gli ATM delle banche. Tieni presente che attualmente (9 gennaio 2020) un fiorino ungherese corrisponde a 0,0030 euro.

Il prezzo di ingresso alle Terme è, per tutta la giornata:

  • Adulti, con armadietto incluso: 6300 fiorini (6600 nel weekend)
  • Adulti, con cabina spogliatoio inclusa: 6700 fiorini (7100 nel weekend)

Possibilità di acquistare pacchetti extra, i cui prezzi potrai trovare qui.

Gellert

Noi però, sapendo che la possibilità di trovare coda all’ingresso delle Terme era alta, abbiamo acquistato dei biglietti salta fila su Musement al prezzo a persona di 21.50€, risolvendo così anche il problema del cambio di valuta.

Per quanto riguarda gli orari di apertura, questi bellissimi bagni termali di Budapest sono aperti tutti i giorni dalle ore 06.00 alle ore 20.00. La vendita dei biglietti termina 1 h prima della chiusura e le vasche vanno lasciate 15 minuti prima dell’orario di chiusura.

 

Come raggiungere le Gellert

Potrai raggiungere le Gellert con i tram 18, 19, 47 e 49 oppure con i pullman 7, 7A ed 86.

Noi, partendo dall’ Haller Camping Budapest, abbiamo preso i tram 24 e 2 e poi abbiamo percorso un pezzetto a piedi.

 

Terme Gellert: le nostre conclusioni

Le Terme Gellert sono senza dubbio molto diverse rispetto alle altre terme che abbiamo visitato fino ad ora. 

Manca infatti tutta la sezione “divertente” con idromassaggi, docce emozionali e percorsi vari: queste sono Terme vecchio stile, con un’ aria autentica e retrò. E’ il classico posto in cui non hai difficoltà ad immaginarti un’antico romano, ecco.

Sono incredibili a livello architettonico, ma forse un pochino troppo buie. Da un lato, come ti dicevamo, abbiamo trovato noi una giornata pessima dal punto di vista meteo, quindi non abbiamo potuto contare per nulla sulla luce naturale; dall’altro forse questa è proprio l’atmosfera che ricerca chi sceglie di rilassarsi alle Gellert, con zero distrazioni e solo tanto, tanto relax.

Gellert

Forse quindi per qualcuno risulteranno un po’ noiosette, e ammettiamo che noi per primi non saremmo riusciti a stare l’intera giornata alle Gellert. Ma per qualche ora sono una meta ideale, soprattutto (luce a parte) proprio quando fuori piove e fa freddo: il contrasto tra le temperature rigide invernali e il calore dell’acqua nelle vasche è delizioso. 

Anche se, in generale, ci aspettavamo di sentire più caldo nei vari ambienti.

Non si sa come entrambi i nostri accappatoi si sono letteralmente inzuppati, neanche li avessimo tenuti su per entrare nelle vasche, e indossarli ogni volta dopo il bagno era un piccolo trauma gelido.

Ma sicuramente è stata un’esperienza interessante e imperdibile, che consigliamo a tutti. E se non ti ispirano le Gellert troverai tantissimi altri stabilimenti sparsi per tutta Budapest.

Alla prossima!

 

Terme Gellert

1118 Budapest, Kelenhegyi út 4

Sito web ufficiale (traduzione in inglese): http://www.gellertbath.hu/

Sito web italiano: http://www.gellertbath.com/index.it.php

 

 

 

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Chiara Mandich
Chiara Mandich

Classe 1985, camperista dalla nascita, è sia l’autrice dei testi del sito che di alcune delle fotografie.