fbpx

A novembre si è avuta la notizia dell’idea di creare, da parte di Europa-Park, la “Funivia dell’amicizia” che avrebbe collegato l’Alsazia, Francia, con il parco Tedesco. Questa idea era stata pensata per poter alleggerire il traffico nella cittadina di Rust. La notizia era stata accolta favorevolmente sia dal presidente francese Emmanuel  Macron che dal presidente del Baden-Württemberg  Winfried Kretschmann, ma osteggiata dalle associazioni ambientaliste.

Sorprendentemente, l’altra settimana, Michael Mack, uno dei proprietari di Europa-Park , ha dichiarato via twitter che l’idea della “funivia dell’amicizia”, come la chiama lui, non verrà perseguita per i prossimi 5 anni.

In una lettera Micheal Mack ha specificato che questa iniziativa non viene abbandonata, in quanto simbolo di amicizia transfrontaliera tra Germania e Francia, ma che si vuole analizzare l’impatto ambientale che tale opera avrebbe sul parco naturale Taubergießen che verrebbe attraversato dalla funivia stessa.

Mack ha anche aggiunto:  “Le preoccupazioni della popolazione, della politica e delle associazioni dovrebbero essere prese in considerazione, vogliamo risolvere le questioni aperte, specialmente nel campo della conservazione della natura, in unità”.  Di conseguenza, durante questa moratoria quinquennale, il parco inizierà a dialogare con le comunità e le associazioni naturalistiche coinvolte.

Verranno eseguiti studi approfonditi di compatibilità tra la “funivia dell’amicizia” e l’ambiente, in maniera tale da trovare la miglior soluzione tramite il dialogo. 

Axel Mayer, amministratore delegato della BUND, la principale associazione ambientalista ad osteggiare il progetto, ha accolto la dichiarazione della famiglia Mack con cauto ottimismo, ma è molto scettico su questa impresa.

Secondo Mayer il problema più grande della regione sono i parcheggi mancanti, ma questa soluzione non porterebbe reale giovamento all’ambiente, visto che i nuovi parcheggi sorgerebbero, in Alsazia, ai piedi della funivia.

D’altra parte il BUND si spenderà con il governo tedesco per istituire una fermata ai treni veloci ICE presso la stazione di Ringsheim e consiglia di pensare alla creazione della “funivia dell’amicia” tra la stazione ferroviaria e il parco stesso.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Chiara Mandich
Chiara Mandich

Classe 1985, camperista dalla nascita, è sia l’autrice dei testi del sito che di alcune delle fotografie.