Puy du Fou: dove la storia è divertimento

Puy du Fou è, a detta di molti, il miglior parco tematico al mondo. Di sicuro è il secondo più visitato della Francia dopo Disneyland Paris, ma secondo Trip Advisor, prendendo in esame l'Europa tutta, batte il parco disneyano posizionandosi per numero di visitatori solo dietro ad Europa Park.

Si trova nella regione della Vandea, il quarto più importante Paese della Loira, e precisamente poco fuori da Les Epesses. Ed è proprio per volontà del paese stesso e di quelli limitrofi che nel 1978 è nato questo parco, purtroppo poco conosciuto in Italia.

In realtà il parco si è evoluto come tale solo 11 anni più tardi, visto che l'idea iniziale era solo quella di realizzare uno spettacolo che mettesse in scena la storia del luogo, ma poi gli abitanti si sono fatti prendere la mano e nel tempo hanno realizzato il colosso che è oggi Puy du Fou.

Ma che parco è questo, esattamente? Come abbiamo già accennato è un parco a tema, a tema storico per la precisione, ed al suo interno non troverete giostre e attrazioni ma potrete assistere a spettacoli grandiosi che, appunto, ripercorrono alcune tappe fondamentali della storia del luogo, andando dall'invasione dei Vichinghi all'espansione dell'Impero Romano, dalle vicende che hanno visto protagonisti i nobili del castello di Puy du Fou alla triste pagina della Guerra Mondiale.

Non mancano rivisitazioni di racconti e leggende francesi conosciute in tutto il mondo, come le imprese dei Tre Moschettieri o la nascita di Excalibur, la celeberrima spada di Re Artù.

Insomma, si può dire davvero che a Puy du Fou la storia prende vita!

La struttura del parco

L'area occupata da Puy du Fou è davvero vastissima: parliamo di ben 40 ettari, con numerose zone verdi, giardini e laghetti. Qua e là troverete giganteschi anfiteatri all'aperto ed immensi padiglioni coperti, perfettamente tematizzati, atti ad ospitare i vari spettacoli. Vi imbatterete anche in labirinti e ricostruzioni accuratissime di varie tipologie di villaggi, da quello medievale a quello barbarico, tutti visitabili. Numerose anche le botteghe artigiane con in vendita opere realizzate secondo le tecniche e le fogge dei vari periodi storici: potrete acquistare pergamene miniate, zoccoli in legno (tradizionali del luogo e che ricordano molto i più celebri zoccoli olandesi), gioielli in materiali preziosi o semipreziosi, ma anche abbigliamento in pelle conciata, spade e armature. Anche queste botteghe sono all'interno di edifici di carattere storico e si inseriscono perfettamente nel quadro generale, ma non mancano neppure negozi più moderni, soprattutto nella zona del parco più vicina all'ingresso, ovvero il Borgo del 1900. Qui potrete trovare souvenir più canonici, libri, statuine, giocattoli, oggetti per la casa, ma anche cibi e bevande. Noi abbiamo acquistato dei tè prodotti con erbe del luogo, caramelle balsamiche e biscotti, ma anche piccole candele profumate e decorazioni per la casa di carattere shabby chic.

Tenete presente che il parco è conosciuto e frequentato soprattutto da francesi, quindi avrete un po' di difficoltà a farvi comprendere parlando altre lingue: l'inglese è ovviamente un po' più conosciuto, ma dipende dalla commessa con cui avrete a che fare.

Un'intera area del parco è poi dedicata ad ospitare animali di vario genere. Predominano certamente quelli da cortile, come ad esempio cavalli, asini, pecore e mucche, utilizzati spesso anche durante gli spettacoli ed alloggiati nei vari villaggi ricostruiti e  in una vera e propria fattoria visitabile. Sembrano molto ben accuditi, ma personalmente avremmo lasciato un po' più di libertà e di spazio ad alcuni di loro.

Più all'interno di Puy du Fou, in una zona particolarmente verdeggiante, troverete poi immense voliere che ospitano uccelli di varie specie, dai rapaci ad uccelli più miti. Vedrete dunque gufi, civette, falchi, ma anche avvoltoi ed aquile reali. Anche gli uccelli sono protagonisti di alcuni degli spettacoli, e la direzione del parco sottolinea come essi non siano maltrattati né sottoposti ad alcuna forma di violenza. Molti esemplari hanno visto allungare a dismisura la loro aspettativa media di vita (cosa che, in realtà, succede spesso agli animali allevati in cattività) e taluni si sono persino riprodotti: è il caso ad esempio di una coppia di aquile reali, e questo è in realtà un fenomeno decisamente raro che testimonierebbe il loro stato di benessere psicofisico.

Svetta poi l'autentico castello dei conti di Puy du Fou, da loro abitato all'epoca ed attualmente visitabile nonché scenario di uno dei walk through proposti. Fantastico il fatto che sia autentico, sebbene rimodernato in alcune parti,  e non una mera riproduzione: si respira davvero un'atmosfera particolare al suo interno.

Menzione speciale poi anche per le fontane che abbelliscono uno dei laghi del parco, anch'esse protagoniste di alcuni spettacoli in cui le vedrete prendere vita a tempo di musica! Al di fuori dello show potrete poi azionarle a vostro piacimento, creando divertenti giochi d'acqua.

Gli spettacoli a Puy du Fou

Come già detto, questo parco vive solo sui suoi magnifici spettacoli, per rappresentare i quali ha costruito arene e padiglioni immensi. Purtroppo gli anfiteatri all'aperto sono completamente all'aperto, e sono ad esempio privi di tettoie sotto cui ripararsi in caso di maltempo o di sole cocente. Noi, durante la nostra visita estiva al parco, siamo incappati in una giornata rovente, e per assistere agli spettacoli all'aperto abbiamo dovuto necessariamente acquistare dei cappelli per proteggerci dal sole: è possibile acquistarli da venditori ambulanti autorizzati direttamente nelle arene subito prima degli spettacoli, e potrete scegliere tra copricapi di varie fogge e colori, dai classici cappellini da baseball ai più eleganti cappelli di paglia con nastri (la scelta di Chiara). Ad ogni modo spenderete sicuramente di meno se vi ricorderete di portarvi da casa i vostri, e anche di tenere con voi un k-way in caso di pioggia improvvisa.

E ora veniamo agli spettacoli: sono tutti recitati in lingua francese, pertanto vi consigliamo caldamente di procurarvi delle audioguide al momento del vostro ingresso al parco, poiché vi saranno estremamente utili per godervi al meglio la trama degli show. In media, la durata va da un minimo di 20 ad un massimo di 40 minuti.

  • Il segno del trionfo: esponenti del popolo autoctono sfideranno Roma ed il suo Impero all'interno di un arena che ricorda il Colosseo, e voi potrete parteggiare per l'una o per l'altra fazione.
  • I Vichinghi: l'arrivo in Francia del popolo di navigatori del Nord non sarà accolto tanto bene dalla gente del posto...
  • La danza degli uccelli fantasma: emozionante esibizione con, come protagonisti, uccelli di ogni tipo, che saranno lasciati liberi di volare tra il pubblico e che raggiungeranno un numero considerevole alla fine dello spettacolo. Davvero strabiliante!
  • Le Dernier Panache: la storia di un ufficiale navale francese, eroe nella guerra d'Indipendenza americana, che vedrà il suo destino compiersi all'alba del 1793
  • I moschettieri di Richelieu: i celebri Tre Moschettieri capitanati dal prode D'Artagnan si esibiranno in battaglia tra cavalli, ballerine e giochi d'acqua molto suggestivi.
  • Il segreto della lancia: narra le gesta di una pastorella che si troverà a difendere il castello e le terre in cui vive dall'attacco di cavalieri nemici
  • Il mistero della Perouse: un nuovo spettacolo previsto per il 2018, a cui noi ovviamente non abbiamo assistito ma che dovrebbe raccontare i viaggi per mare della nave esplorativa La Perouse
  • I cavalieri della Tavola Rotonda: assisterete alla nascita dell'ordine cavalleresco capitanato dal leggendario Re Artù dopo aver trovato la celebre spada Excalibur
  • Gli innamorati del Verdun: vi troverete a vivere l'esperienza della Primo Guerra Mondiale nelle trincee del Verdun attraverso lo scambio di lettere tra due innamorati. Si tratta di un walk through altamente coinvolgente, tra attori in carne ed ossa e ricostruzioni
  • Il Rinascimento del castello: walk through all'interno del castello di Puy du Fou per conoscerne la storia ed incontrare coloro che qui hanno vissuto in epoca rinascimentale.
  • L'Odissea di Puy du Fou: altro walk through attraverso i secoli alla scoperta di un lato di Puy du Fou più mistico e misterioso...
  • Il Grande Carillon: la torre campanaria all'interno del villaggio del 18esimo secolo vi trasporterà indietro nel tempo grazie ad un coinvolgente spettacolo musicale
  • I musicisti automatici: nel Borgo del 1900, ad orari stabiliti, sarete deliziati dalle performance musicali di automi che faranno la loro apparizione a sorpresa dalle finestre delle case
  • Il mondo immaginario di La Fontaine: tornerete bambini ascoltando le storie del celebre favolista francese, messe in scena e raccontate da automi dalle fattezze di statue di marmo
  • Le grandi acque: giochi d'acqua diurni realizzati dalle fontane del parco sulle note del Maestro Lully, che vi riporteranno ai fasti delle feste a Versailles
  • L'organo di fuoco: emozionante spettacolo serale che si tiene sempre presso la zona delle fontane. Qui assisterete a giochi d'acqua, di musica e di luci quando la il buio della sera incalza, rendendo l'atmosfera ancora più magica e suggestiva

La Cinescenie

Ma è per lo spettacolo maestoso della Cinescenie che Puy du Fou è diventato celebre. Si tratta di uno spettacolo straordinario che si tiene solo in estate durante le sere dei weekend, per assistere al quale è tassativa la prenotazione. Teatro della rappresentazione, che mette in scena la storia della Vandea a partire dal XIII secolo fino alla Seconda Guerra Mondiale, è uno spazio aperto di ben 23 ettari sul retro del castello. 1000 attori volontari e non professionisti, provenienti dai paesi limitrofi e da Les Epesses si metteranno in gioco per trasportarvi con loro indietro nel tempo, accompagnati da effetti speciali, luci, musiche e fuochi d'artificio. Uno spettacolo davvero imperdibile e letteralmente preso d'assalto da coloro che visitano Puy du Fou: i posti disponibili sono 1400 a serata, ma se non prenoterete con largo anticipo vi ritroverete a becco asciutto.

Questo è l'unico spettacolo non compreso nel normale prezzo del biglietto, ma non potete proprio farvelo scappare. Dura anche molto più di uno spettacolo normale, quasi due ore, e vi consigliamo di attrezzarvi con vestiti caldi o coperte, anche in estate, perché di sera le temperature scendono parecchio. Anche questo spettacolo è in francese, quindi ricordatevi le audioguide!

Mangiare e pernottare al parco

Potrete scegliere di soddisfare il vostro appetito in numerosi chioschi e piccoli ristorantini, nessuno dei quali particolarmente chic ma alcuni più tematizzati di altri. Il tasto “dolente”, se vogliamo, è il menù: a parte l'essere scritto solo in lingua francese, ha come pro il fatto di essere costituito da cibi tradizionali del posto. Il contro, però, è proprio l'offerta limitata: potrete mangiare pressoché solo crepes, patate o carne, e questo potrebbe non soddisfare i gusti di alcuni. Per il bere avrete un po' più di scelta, ma noi vi consigliamo di provare senz'altro almeno un bicchiere di sidro di mele, una delle bevande tipiche della Francia.

Per pernottare (vedere tutti gli spettacoli richiederà due giorni buoni al parco) potrete scegliere uno dei numerosissimi hotel in zona, tutti 3 o 4 stelle e alcuni dei quali ospitati all'interno di castelli, oppure, come abbiamo fatto noi, usufruire dello spazio dedicato ai camperisti. Al costo di 9 euro per notte avrete a disposizione uno spazio decisamente vasto e molto vicino al parco in cui sostare, ma scordatevi l'allacciamento alla corrente: ci sono pochissimi punti di ricarica, e quei pochi sono naturalmente i primi ad essere occupati. Avrete però a disposizione dei bagni (senza doccia, solo toilette) e un'area di carico/scarico, e potrete acquistare giornalmente pane fresco.

Puy du Fou: ulteriori informazioni utili

Puy du Fou è un parco a tema adatto anche ai non giovanissimi, data la totale assenza di attrazioni e giostre, e forse per questo meno adatto ai bambini troppo piccoli che potrebbero annoiarsi durante gli spettacoli, seppur coinvolgenti.

Una limitazione è data anche dall'utilizzo della sola lingua francese, facilmente risolvibile però con le apposite audioguide per quanto riguarda la visione degli spettacoli. Meno facile risolvere i problemi di comunicazione all'interno di botteghe e negozi e quelli legati al decifrare i menù. Anche l'offerta culinaria estremamente limitata, sebbene di buona qualità, potrebbe far storcere il naso a qualcuno, ma questo è dovuto al fatto che, purtroppo, Puy du Fou non è così conosciuta all'esterno dei confini della Francia, quindi non c'è ancora lo stimolo a pensare alle esigenze dei turisti stranieri.

Gli spettacoli sono tutti realizzati benissimo, dal primo all'ultimo. Forse quelli che ci hanno lasciati più senza parole sono La danza degli uccelli fantasma (sconsigliato decisamente a chi teme i volatili e gli animali in generale!) e gli show d'acqua oltre a, ovviamente la Cinescenie.

Il parco è aperto da aprile a novembre (a novembre in realtà solo in alcune date), mentre la Cinescenie si tiene solo il venerdì ed il sabato sera da giugno ai primi di settembre. Di nuovo, vi ricordiamo che è tassativo prenotare.

Come già detto, se vorrete assistere a tutti gli spettacoli in programma non potrete fare a meno di trascorrere due giorni al parco, quindi vi consigliamo di acquistare questa tipologia di biglietto.

Vi ricordiamo ancora di munirvi di cappellini per proteggervi dal sole, di impermeabili per le piogge improvvise e di abbigliamento caldo per assistere allo spettacolo serale.

Sito web ufficiale: https://www.puydufou.com/en

 

Voi conoscevate questo parco? Ne avete altri da consigliarci? Lasciateci un commento!

Leave a Reply