Dinant : Dove la Birra Incontra la Musica

Chiara Mandich

Dinant è un piccolo paese belga quasi al confine con la Francia e bagnato dal fiume Meuse, e possiamo affermare che qui la birra incontra la musica.

Perché diciamo questo? Perché due sono le principali ragioni che rendono Dinant celebre nel mondo…

Indice

Maison Leffe

Il primo motivo è che qui ha sede Maison Leffe, casa della nota birra.

Prodotta nell’abbazia di Notre Dame di Leffe fin dal 1200 per abbeverare in modo salubre i molti pellegrini che qui facevano tappa (ricordiamo infatti che l’acqua con cui la birra viene prodotta raggiunge durante la fermentazione temperature tali da debellare ogni eventuale germe in essa presente), è andata diventando via via sempre più pregiata e saporita.

Oggi ne vengono attualmente prodotte sei diverse tipologie, con grado di fermentazione, miscele e tostature diverse: la Tripel, la Rituel 9°, la Blonde, la Radieuse, la Brown e la Nectar.

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Image_Widget”]","after_title":"<\/h3>","widget_id":"widget-0-0-2"}}”>[/siteorigin_widget]
Potrete degustarle ed imparare qualcosa in più sulla birra Leffe e sulla sua produzione grazie al tour interattivo proposto dalla Maison, che oggi è anche ristorante ed hotel. Il tour, oltre alla degustazione inclusa, dovrebbe comprendere anche un gadget omaggio…E diciamo “dovrebbe” perché, purtroppo, noi non abbiamo potuto visitare il complesso: abbiamo trovato chiuso!

Vi consigliamo quindi di consultare attentamente gli orari presenti sul sito ufficiale, prestando particolare attenzione al periodo. Ad ogni modo, il costo ad adulto è di 7€.

Peccato davvero non essere riusciti ad entrare…ma abbiamo in serbo un altro tour all’insegna della birra per voi, e non dimentichiamoci di quello già svolto alla Guinness Storehouse di Dublino!

Vi lasciamo comunque i contatti di Maison Leffe:

Maison Leffe

23, Charreau des Capucins

5500 Dinant

Belgium

Phone: +32 82 22 91 91

Fax: +32 82 21 92 47

L’inventore del sassofono: Adolphe Sax

Antoine-Joseph Sax, detto Adolphe, nacque proprio a Dinant il 6 novembre 1814. Suo padre, costruttore di strumenti musicali, gli trasmise la passione per questo mestiere, e dopo anni di duro lavoro Sax arrivò a pronunciare la sua celebre legge acustica: il timbro di un suono è determinato dalle proporzioni della colonna d’aria e non dal materiale del corpo che la contiene.

Grazie a questa intuizione, Adolphe realizzò vari innovativi strumenti musicali, sebbene il suo più grande successo fu proprio il sassofono.

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Image_Widget”]

Dinant ricorda il suo illustre concittadino con sculture di grandi sassofoni colorati dislocati qua e là per il paese, ognuno dei quali è stato decorato da un diverso Stato. E, inoltre, ha reso la casa natale di Sax un museo libero. È piccolo, appena una stanza, ma qui è possibile ammirare il primo sassofono realizzato e brevettato.

Davanti alla casa troviamo una scultura bronzea che raffigura Adolphe seduto su una panchina.

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Image_Widget”]

Vi lasciamo l’indirizzo, semmai voleste farci un salto:

Rue Adolphe Sax 37, Dinant 5500, Belgio

Tel: +32 82 21 39 39

La Cattedrale di Notre Dame e la Cittadella

Ma Dinant offre anche altro. Ad esempio una cattedrale davvero particolare: distrutta interamente dalla caduta di un enorme masso nel 1228, fu ricostruita in stile gotico con uno strano campanile a bulbo. E’ molto particolare perché, pur essendo in pieno centro storico, sembra emergere dalle rocce che la sovrastano e la circondano.

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Image_Widget”]

Sopra questa altura rocciosa trova posto la Cittadella, raggiungibile con una teleferica al costo di 8,50€ a persona (pagamento esclusivamente in contanti) o salendo ben 408 gradini. Noi abbiamo optato per la prima opzione, e quando abbiamo raggiunto il complesso abbiamo visitato la parte museale. Qui sono state infatti riprodotte varie scene della vita militare dell’epoca, con tanto di esposizione di armi, cucine e dormitori. Una sezione espone vari tipi di strumenti di tortura e anche una ghigliottina, e si dice che fino al 1868 qui fossero mandati in punizione per un mese i soldati che avevano tenuto un comportamento non consono.

La parte più particolare è però la riproduzione di una trincea: per simulare i movimenti dei soldati all’interno di edifici bombardati e pericolanti il pavimento è obliquo, e questo dà ai visitatori una forte sensazione di disequilibrio.

Molto bella poi la vista dall’alto della città!

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Image_Widget”]

Dinant : opinioni personali ed informazioni utili

Dinant è un paesino tranquillo, che vale la pena di essere visitato se vi trovate in zona o se amate la birra Leffe.

Abbiamo sentito parlare molto bene anche delle numerose grotte che si trovano in zona, ma per motivi di tempi non abbiamo purtroppo potuto visitarle, quindi se qualcuno ci è stato ci racconti qualcosa!

Il campeggio comunale dove abbiamo pernottato noi, di cui purtroppo non è disponibile il sito internet, si trova a mezz’ora a piedi dal centro del paese, ed è situato proprio sul lungofiume…ve ne parleremo meglio a breve, ma intanto vi lasciamo l’indirizzo:

Avenue Colonel Cadoux 8, 5500 Dinant, Belgio

Telefono: +32 82 22 90 38

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Chiara Mandich
Chiara Mandich

Classe 1985

Camperista dalla nascita, è sia l’autrice dei testi del sito che di alcune delle fotografie.