fbpx

Un camping a Dillenburg con gestori favolosi: ecco a te il Waldcamp Meerbornsheide

In cerca di un camping a Dillenburg, cittadina pittoresca in cui ci siamo trovati di passaggio durante il nostro tentativo di tour lungo la Strada dei Giocattoli, ci siamo imbattuti nel grazioso Waldcamp Meerbornsheide.

E’ il tipico campeggio immerso nel verde: alberi frondosi, boschi e prati presi d’assalto da mucche e cavalli. Ma la parte migliore è stata l’accoglienza…

La sorella di Mago Merlino

Vediamo venirci incontro una signora dai lunghi capelli biondo chiaro e liscissimi, di mezza età e non troppo alta né slanciata, vestita con un lungo abito blu. Tutta sorridente, ci tende la mano per presentarsi come si è soliti fare quando si fa la conoscenza di qualcuno che si è realmente felici di incontrare.

Le diciamo i nostri nomi e lei ci dice il suo, non capiamo bene se sia Bobby o Bonnie, ma si illumina tutta quando scopre che siamo italiani.

Suo marito, ci racconta, parla abbastanza bene l’italiano, e anche lei ne conosce qualche parola: tutta soddisfatta quasi urla una parolaccia che non possiamo ovviamente riportare, e noi scoppiamo a ridere perché sembra davvero fiera di sé.

Se il Mago Merlino della Disney avesse una sorella più giovane, siamo certi che sarebbe proprio come lei.

Più tardi conosciamo anche il marito, che l’italiano lo parla bene per davvero, e lui ci omaggia di varie bustine di caffè solubile perché “degli italiani non possono rischiare di rimanere senza durante il viaggio”. Che carino!

E’ ancora la moglie che ci indica la nostra piazzola…che in realtà è ovunque! Possiamo infatti scegliere noi dove e come sistemarci, e noi optiamo per…

 

Le piazzole

…una piazzola posta su una sorta di terrazzamento, con tanto di balconata ad affacciarsi sulla parte sottostante del camping.

Il terreno è erboso, l’ombra non manca, e Bobby (o Bonnie?) ci spiega che potremmo facilmente raggiungere Dillenburg anche a piedi, oppure anche affrontare una bella passeggiata nei boschi dei dintorni…della lunghezza di circa 16 km. Ringraziamo per il suggerimento, ma sono un po’ troppi per noi al momento.

Ci colleghiamo alla corrente, ci sistemiamo per bene e iniziamo a guardarci un po’ intorno.

 

Il camping

Il campeggio non è grandissimo, e non è molto illuminato. Anzi, non lo è per nulla.

Ci sono tantissime conifere che lasciano cadere a terra le loro pigne, fiori spontanei e cespugli di vario genere. Sparsi qua e là anche dei totem: uno è il classico totem indiano, l’altro raffigura un lupo che ulula vicino ad un orso bruno. Che cosa strana!

Tra noi e la casa dei proprietari si trova l’unico complesso dei bagni, e questo fa un po’ da blocco alla connessione internet wi-fi visto che il router si trova proprio a casa dei due. Ma la signora, gentilissima, ci consiglia posizioni alternative per usufruire comodamente della connessione, e ci lascia un biglietto con una password che sembra più che altro la trascrizione in numeri della Bibbia da tanto è lunga.

Ci sono vari camper oltre al nostro, ma vediamo che anche qui non mancano le case mobili degli stanziali…

 

I servizi

I bagni non sono enormi, ma sono davvero pulitissimi. Sono dotati di carta igienica, sapone liquido e di un buffo cartello affisso all’interno delle cabine dei gabinetti che illustra il modo adeguato di utilizzare lo scopino del wc.

E poi c’è un distributore di carta per asciugarsi le mani dopo essersele lavate dotato di sensore di prossimità che eroga in automatico la carta necessaria.

Nello stesso complesso anche il wc chimico, mentre non abbiamo trovato dove poter effettuare il camper service, soprattutto  per quanto riguarda lo scarico delle acque.

Permessi i barbecue, e anzi sono gli stessi proprietari ad offrirti salse e verdure per le tue grigliate. In vendita anche della birra a prezzi davvero bassissimi.

Se vuoi poi puoi farti recapitare direttamente in piazzola del pane bianco o integrale ogni mattina.

I prezzi

Per una notte a giugno abbiamo pagato 24,50€. Più che in altri camping, ma quasi quanto un’area sosta in Italia…che raramente offre un’atmosfera così piacevole!

 

Camping Waldcamp Meerbornsheide: le nostre conclusioni sul camping a Dillenburg

Questo camping a Dillenburg ci è piaciuto tanto. Tra la simpatia e l’accoglienza dei proprietari (quest’anno all’estero stiamo trovando gestori davvero squisiti!) e il fatto di trovarsi tra i boschi, quasi come se fossimo in uno dei grandi parchi americani, potremmo dire che ci saremmo fermati tranquillamente un po’ più a lungo. Anche i prezzi sono più che buoni, specie se paragonati a quelli italiani. Ma questo sarebbe un discorso lungo, complesso e altamente polemico…che di certo affronteremo prima o poi perché non abbiamo certo paura di far sentire la nostra voce e far valere la nostra opinione.

Ma non abbiamo potuto prolungare la nostra permanenza, perché ci aspetta una visita di cortesia a più di 2500 nani da giardino. Dove? Allo Zwergen Park!

E anche dal Waldcamp è tutto, quindi…alla prossima!

 

Camping Waldcamp Meerbornsheide

Meerbornsheide 1-2, 35683 Dillenburg, Germania

Sito web: https://www.waldcamp-meerbornsheide.eu/

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Chiara Mandich
Chiara Mandich

Classe 1985, camperista dalla nascita, è sia l’autrice dei testi del sito che di alcune delle fotografie.